Parmigiano Reggiano lattosio
Parmigiano Reggiano lattosio

Intolleranza al lattosio? Non rinunciare al gusto del Parmigiano Reggiano!

Il Parmigiano Reggiano è un formaggio 100% naturale, senza conservanti e additivi e naturalmente privo di lattosio.
Scopri di più.

Il Parmigiano Reggiano è un formaggio 100% naturale composto per il 30% da acqua e per ben il 70% da sostanze nutritive. Una buona parte della componente nutritiva è rappresentata dalle proteine (32 g per 100 g di prodotto).
Contrariamente a quanto si possa pensare, un alimento come il Parmigiano Reggiano può essere tranquillamente consumato da coloro che soffrono d’intolleranza al lattosio. Secondo quanto emanato dalla Circolare Ministeriale 0024708 del 16/06/2016, infatti il Parmigiano Reggiano ne è naturalmente privo.

Ma cosa vuol dire essere intolleranti al lattosio?
L’intolleranza al lattosio è l’intolleranza enzimatica più comune ed è riconosciuta come intolleranza alimentare dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS).
Questa particolare intolleranza si verifica in caso di deficienza dell’enzima “lattasi”, responsabile della scissione del lattosio – il principale zucchero del latte (e derivati) – in galattosio e glucosio. La carenza (o totale mancanza) di questo enzima non permette al lattosio di essere digerito, rimanendo quindi nel lume intestinale, dove viene fermentato dalla flora batterica, scatenando i sintomi tipici di questa intolleranza: crampi addominali, meteorismo, gonfiore, diarrea, digestione lenta, stanchezza.
Una volta scoperta l’intolleranza al lattosio, l’errore più comune è eliminare drasticamente la categoria dei latticini, pensando che il lattosio si trovi in tutti i derivati del latte compresi i formaggi.

L’assenza di lattosio è  la conseguenza naturale del tipico processo di ottenimento del Parmigiano Reggiano, che contiene galattosio in quantità inferiore a 0,01g/100g.
Nel processo di produzione del Parmigiano Reggiano infatti il lattosio viene fermentato dalla microflora di batteri lattici nelle prime 48 ore successive alla lavorazione. E’ la cosiddetta fermentazione lattica, durante la quale i batteri lattici, che si trovano naturalmente nel latte, trasformano lo zucchero lattosio in acido lattico nei primi due giorni della produzione. Proprio per questo il Parmigiano Reggiano risulta tollerato da coloro che soffrono di questa intolleranza enzimatica.

FONTI
Parmigiano Reggiano: nutriente e senza lattosio. Le caratteristiche nutrizionali – Parmigiano Reggiano
I primi passi – Associazione AILI

Nessun Commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

HomeShopAccount Menù